titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Crematorio nera porta

Crematorio nera porta che all'inferno porterà vi trascino neri corpi che la fiamma brucerà Vi trascino il mio figliolo con i suoi capelli d'or coi suoi pugni in mezzo ai denti figlio mio come farò O mi sbaglio e dormi tu ed allora figlio tu dormi e intanto ninna-ò io ti cullerò Solo tu perché non parli tu che sai la verità era solo di tre anni ma non ebbero pietà I suoi occhi silenziosi che ti guardano lassù hanno lacrime di pietra che non scenderanno più O mi sbaglio e dormi tu ed allora figlio tu dormi e intanto ninna-ò io ti cullerò

Informazioni

Canzone del campo di Treblinka, composta su frasi del deportato Liebeskind, portatore di cadaveri, di fronte al corpo del figlioletto.

Condividi

Strumenti

La storia cantata

Questo contenuto è legato all'evento La liberazione del lager di Auschwitz (27 January 1945).

Scheda del canto

Tags:  antifascisti
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30