titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Cavàrte dal fredo

Cavàrte dal fredo, dall'umidità dai muri bagnài, dal letto geà portarte distante, fora de qua trovarte una casa, la comodità tre stanse col bagno e 'l termosifòn e tanta acqua calda, che la vien co ti vol scaldarte i pìe, scaldarte le man xe longo l'inverno, non basta el me fià! Se suppia scirocco vien vanti l'istà e fora in laguna se sente cantar turisti va in Piassa, al Casinò Cipriani fa schei e mi no ghe n'ho. I vien par tre mesi a fotografar colombi che svola, palassi sul mar comprè cartoline, che schei no ghe n'è turisti da culo, che schifo che fè! Torna novembre, bate le tre in leto strucài bevemo un brulè xe fredo, xe acqua, xe tuto allagà e semo più fondi de un anno fa Sotto la tola un metro de mar te s-ciopa la gola, te vien da sigàr xe morta la stùa, se squagia el cartòn ti piansi e i to oci xe un'altra aluviòn Portarte distante, in serca del sol ma el sangue go fiapo, el peto me dol; novembre de bruto m'ha assassinà e gnanca el coragio me ga salvà San Marco e i palassi i vol salvar però i venesiani pol anca spetàr i salvarà i santi, la xona industrial Valeri Manera col cardinal. Da Ciosa a Fusina tuto va xo portarte distante, dove, no so in fabrica forse i me ciaparà andaremo a Marghera, forse a Milan E i veci no parte, i speta a morir i mor venessiani, i mor col so vin e vece va a messa, col sciàl e 'l cocòn le mor confesàe, disendo orasiòn.

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Informazioni

L’esodo massiccio dalla città verso la “terraferma” negli ultimi 50 anni ha fatto di Venezia la prima nella classifica europea della velocità di spopolamento. A questo hanno contribuito non solo le frequenti alluvioni ("acqua alta", frequenti nel mese di novembre), ma soprattutto una politica degli alloggi e del lavoro incentrata solo sul turismo.

Indicazioni bibliografiche

D'Amico Alberto, Ariva i barbari, Edizioni del gallo, 1973

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Alberto D'Amico
Lingua:  veneto
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30