titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Canzone alla mia chitarra

Ho trovato la vera amica mia che quando mi si chiude l'uscio in faccia Resta a lungo a farmi compagnia e fa l'amore qui tra le mie braccia E quando l'altra gente a me vicina Non posso amarla più perchè m'inganna Mi viene in braccio come una bambina e si lascia cantar la ninna nanna La mia chitarra canta senza darsi importanza se canta cose tristi lascia un po' di speranza se canta cose allegre le rende un poco tristi proprio come è la vita di noi poveri cristi proprio come per noi poveri cristi La mia chitarra lei non se l'ha a male se il potente o il mercante di cannoni non la paga a cantar nelle fanfare le sue glorie con pifferi e tromboni Lei sa, la mia chitarra forte e scaltra che un giorno canterà canti felici per gente amica nostra, mentre l'altra le rape guarderà dalle radici La mia chitarra allora si darà un po' importanza e canterà soltanto la gioia e la speranza quando le cose allegre saran più delle tristi quando non ci saranno mai più poveri cristi non ci saranno più poveri cristi

La Re Mi La Ho trovato la vera amica mia Fa#- Si-7 Mi La che quando mi si chiude l'uscio in faccia Re-7 Sol Do Mi Resta a lungo a farmi compagnia La- Re-7 Sol Do Mi e fa l'amore qui tra le mie braccia La Re Mi La E quando l'altra gente a me vicina Fa#- Si-7 Mi La Non posso amarla più perchè m'inganna Re-7 Sol Do Mi viene in braccio come una bambina Mi La- Fa#7 Si7 e si lascia cantar la ninna nanna Mi La La mia chitarra canta Fa#- Si7 Mi senza darsi importanza Do#- La Fa#- se canta cose tristi Si7 Mi Sol#7 lascia un po' di speranza Do#7 Fa#- se canta cose allegre Si7 MiSol#7 le rende un poco tristi Do#- Fa#- proprio come è la vita Si7 Mi Sol#- di noi poveri cristi Do#7 Fa#- proprio come per noi Fa#7Si7Mi Mi7 poveri cristi La mia chitarra lei non se l'ha a male se il potente o il mercante di cannoni non la paga a cantar nelle fanfare le sue glorie con pifferi e tromboni Lei sa, la mia chitarra forte e scaltra che un giorno canterà canti felici per gente amica nostra, mentre l'altra le rape guarderà dalle radici La mia chitarra allora si darà un po' importanza e canterà soltanto la gioia e la speranza quando le cose allegre saran più delle tristi quando non ci saranno mai più poveri cristi non ci saranno più poveri cristi

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Indicazioni bibliografiche

Jona Emilio, Straniero Michele L., Cantacronache - Un'avventura politico-musicale degli anni cinquanta, Torino, Crel, 1996

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Anno: 
1963
Tags:  comunisti, satirici
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31