titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Canti a méte dell'Alto Lazio

E quanno vojo mète, e mète vojo, padrò, non me passà cipolla e l'ajo, padrò, non me passà cipolla e l'ajo sinnò la metitura te l'imbrojo. E quanto vojo mète e meterìa si ce l'avessi la farcetta nova e sotto all'ombra co' la bella mia. Fiore de lino, e quanto è bello er campo a mète 'r grano, è quello che produce il contadino. E la vorpe giù ner fosso perde er pelo, padrò, passa er barlozzo, vengo meno. Al contadino che mete lo grano la farce je diventa un filo d'oro. E viene mezzodì pe' li signori ma pe' li contadì nun verrà mai. È notte, è notte e lo padrò sospira, dice ch'è stata curta la giornata. Zitto, padrone mio, non sospirare, prendi la borsa e prencepia a pagare.

Informazioni

Canto di mietitura raccolto nella provincia di Roma, interpretato dal Canzoniere del Lazio in "Lassa stà la me creatura", 1974

Fonte

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Lingua:  romanesco
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30