titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Cadorna

Maledetto sia Cadorna, prepotente come d'un cane, vuoI tenere la terra degli altri che i tedeschi sono i padron. E i vigliacchi di quei ignori, che la credevano una passeggiata, quando sentirono la loro chiamata corse a Roma e s'imhosco, E quei pochi che ci resteranno, quando poi verranno a casa, impugneranno la loro spada contro i vigliacchi di quei padron. O vile Italia, come la pensi del tuo popolo così innocente, che non ti ha mai fatto niente e tu, vigliacca, lo vuoi tradir? Dagli ufficiali siamo mal trattati e dal governo siamo mal nutriti; in quattro stati si sono riuniti per distruggere la povertà.

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Indicazioni bibliografiche

Vettori Giuseppe, Canzoni italiane di protesta 1794 - 1974, Roma, Newton Compton, 1975

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30