titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Ballata per Ciriaco Saldutto

Lui ha quindici anni, cognome Saldutto, alunno alle medie, scuola Pacinotti, venuto di Puglia, "terrone" immigrato: Torino lo boccia e lui s'è impiccato Per essere chiari diciamo: è un delitto, un altro delitto della repressione, che usa la legge, il fucile, la scuola per farci più servi del nostro padrone Si sa che il padrone le sue maestranze le vuole istruite e ben educate; con la sua cultura, la sua disciplina lui plasma i servi di ogni officina La tua cultura e del tuo paese, sia chiaro, "terrone", va buttata via; la scuola ti dà un'altra cultura, quella dei padroni, della borghesia E tu puoi scordare l'azzurro del cielo di Puglia e il dialetto della tua terra: tuo cielo è la FIAT, tua terra è Torino, la scuola, Saldutto, è il campo di guerra. Ma non c'è battaglia, non c'è condizioni, "terrone", ti adegui oppure accadrà che la repressione di tutti i padroni con l'arma del voto ti escluderà Così a quindici anni ti han tolto anche il cielo e in cambio ti han dato un vuoto di niente, e l'ultimo gioco che ti han lasciato è un pezzo di corda: ti sei impiccato. Per fare chiarezze diciamo: è un delitto, un altro delitto della repressione, che usa la legge, il fucile, la scuola per farci più servi del nostro padrone

Re La Lui ha quindici anni, Re La cognome Saldutto, Re Sol alunno alle medie, Re La scuola Pacinotti, Re La Re Sol venuto di Puglia, "terrone" immigrato: Re Sol La Re Torino lo boccia e lui s'è impiccato Sol Re La Per essere chiari diciamo: è un delitto, Re Sol Re La un altro delitto della repressione, Re La Re Sol che usa la legge, il fucile, la scuola Re Sol La Re per farci più servi del nostro padrone Si sa che il padrone le sue maestranze le vuole istruite e ben educate; con la sua cultura, la sua disciplina lui plasma i servi di ogni officina La tua cultura e del tuo paese, sia chiaro, "terrone", va buttata via; la scuola ti dà un'altra cultura, quella dei padroni, della borghesia E tu puoi scordare l'azzurro del cielo di Puglia e il dialetto della tua terra: tuo cielo è la FIAT, tua terra è Torino, la scuola, Saldutto, è il campo di guerra. Ma non c'è battaglia, non c'è condizioni, "terrone", ti adegui oppure accadrà che la repressione di tutti i padroni con l'arma del voto ti escluderà Così a quindici anni ti han tolto anche il cielo e in cambio ti han dato un vuoto di niente, e l'ultimo gioco che ti han lasciato è un pezzo di corda: ti sei impiccato. Per fare chiarezze diciamo: è un delitto, un altro delitto della repressione, che usa la legge, il fucile, la scuola per farci più servi del nostro padrone

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Indicazioni bibliografiche

Della Mea Ivan, La balorda, Edizioni del gallo, Milano, 1972

Condividi

Strumenti

La storia cantata

Questo contenuto è legato all'evento Il suicidio di Ciriaco Saldutto (13 June 1972).

Scheda del canto

Autore testo:  Ivan Della Mea
Anno: 
1972
Tags:  emigrazione
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30